[text]

Chef e ristoranti

Una nuova generazione di chef svedesi sta lasciando il segno sulla scena mondiale. Stoccolma è in prima linea, ma anche Göteborg e Malmö non stanno a guardare. Alcune delle espressioni più genuine e interessanti della gastronomia svedese si trovano lontane dalle luci delle città.

  • Michelin starred frantzén/lindberg in Stockholm
  • Magnus Nilsson at Fäviken Magasinet, Jämtland
  • Mathias Dahlgren, chef and owner of the restaurant

Michelin starred frantzén/lindberg in Stockholm

Gli chef vanno alla ricerca di ingredienti locali in tutta la Svezia, avventurandosi in nuovi ambiti e riscoprendo contemporaneamente metodi e tecniche artigianali tradizionali. Il ruolo che gli chef si stanno ritagliando rompe gli stereotipi del cuoco che si limita a lavorare ai fornelli. I nuovi chef si dedicano alla ricerca dei migliori prodotti di qualità e allacciano rapporti con agricoltori, allevatori e produttori.

La gastronomia svedese vanta anche una tradizione di apertura senza la quale non sarebbe mai diventata una cucina d'avanguardia. Sin dagli anni '50, la Svezia ha accolto un numero relativamente elevato di immigrati provenienti da diverse parti del mondo che hanno partecipato in maniera decisiva allo sviluppo della gastronomia in termini di prodotti, tecniche e tradizioni e hanno contribuito alla diffusione di un fiorente panorama di locali eclettici, rappresentativi di culture culinarie diverse.

La scelta di questa nuova generazione di chef è risultata vincente e oggi 2 ristoranti svedesi compaiono nella classifica World’s 50 Best Restaurants, mentre la Guida Michelin presenta ben 10 ristoranti svedesi, due dei quali si sono guadagnati 2 stelle (Frantzén/Lindeberg - che dal 30 aprile 2013 si dividono conservando il nome di Frantzén - e Fäviken), molto più degli altri Paesi scandinavi.

Pubblicità:

A part of the official gateway to Sweden